Il Deportivo La Menzogna e la misteriosa sparizione della Coppa Rimet

pele-observa-o-trofeu-jules-rimet-que-foi-conquistado-tres-vezes-pela-selecao-brasileira-1350923975538_700x500

Di Marco Ciriello

2.

Monica Barassi, attrice, ballerina, fotografa, cresciuta non solo nel mito del nonno, ma completamente proiettata nell’impresa che il nonno aveva compiuto. Custodire e difendere la Coppa Rimet, durante la seconda guerra mondiale, con i tedeschi che la cercavano per fonderla, quasi anticipandone il destino. «Da piccola al posto delle favole mi raccontavano della Coppa Rimet, e, crescendo, invece che costruire storie con le bambole utilizzavo i calciatori del subbuteo di mio fratello come pedine alla ricerca della Coppa scomparsa». Questa era la sua versione e capite bene perché uno come Ricardo Fangacio, fosse rimasto folgorato, al punto di decidersi a fondare il Deportivo La Menzogna con lei. Il loro è un progetto lento, non solo congiungono realtà e irrealtà sui campi di calcio e sugli spalti, no, fanno stare insieme vivi e morti, sogni e utopie, e vanno alla ricerca della Coppa, molto più audaci di James Bond, furbi di Joker, organizzati del Kgb, una compagnia di giro che maschera un desiderio apparecchiando rappresentazioni enormi. Tutti i giornali del mondo ne hanno parlato, Ricardo Fangacio e Monica Barassi vengono raccontati non solo come due grandi artisti con delle biografie da romanzo ma anche come innovatori dell’arte della recitazione, tanto che in molti da Kusturica a Scorsese, da Soderbergh  a Spielberg, vorrebbero filmare le loro messe in scena, anzi messe in campo, e loro ci stanno pensando. L’ultima volta con il grande acrobata Philippe Petit nei panni di Gandhi (era una richiesta del committente, un ricco indiano di Mumbai) hanno fatto vincere il mondiale all’India, facendole battere il Pakistan, quattro (4) a uno (1). E la festa era durata tre (3) giorni, con tanto di ballo sugli elefanti e bagno in una piscina volutamente riempita con acqua del Gange. Avevano anche rappresentato un Vietnam-Indonesia zero (0) a zero (0), e un incontro Nuova Zelanda-Australia con finta rissa finale e partita sospesa, arbitro Mao Tsetung (recitato meravigliosamente da Ricardo Fangacio) e prima avevano voluto una parata con cavalli ed esercito, tutto questo in un campo costruito nel deserto australiano con una spesa pari al bilancio annuale del Ghana.

Continue reading “Il Deportivo La Menzogna e la misteriosa sparizione della Coppa Rimet” »